WIFI GRATIS IN TUTTA ITALIA, LA SFIDA DI WIFI.ITALIA.IT

PENISOLA CONNESSA

Connettersi ad internet in tutta la penisola grazie ad una rete nazionale unificata, che fornisca copertura wifi gratis a cittadini e turisti: la sfida alla connettività Italiana è ufficialmente partita!

WIFI CAPPUCCINOIl progetto, nato dalla cooperazione del ministero dello Sviluppo economico, del ministero dei Beni Culturali e Turismo e dell’Agenzia per l’Italia digitale, si pone l’obiettivo di fornire wifi gratis in tutta Italia, ed è stato presentato a Roma nel corso del convegno WiFi.Italia.It

La rete wifi gratis è già disponibile da oggi in alcune città del centro-Nord, ma stando a quanto riferito dagli addetti ai lavori, si estenderà a breve a tutti i capoluoghi italiani, fino a raggiungere un passo alla volta anche i comuni più piccoli.

Al momento, le prime postazioni di wifi.italia.it si trovano infatti a Roma, Milano, Firenze, Bari, ma anche nel Polesine, nella provincia autonoma di Trento e in Emilia Romagna.

L’accesso alla rete che porterà il wifi gratis in tutto il Bel Paese, sarà gestito dagli utenti attraverso la semplice registrazione via numero di telefono ad un’unica app nazionale, scaricabile direttamente su tutti i modelli di smarphone più comuni.wifi italia

L’iniziativa rappresenta sicuramente un passo in avanti verso il futuro digitale, e segue la linea tracciata dalla comunità europea, che aveva infatti già sollecitato l’Italia ad “aggiornarsi” in materia di connessione e rete internet alla portata di tutti;

La rete wifi gratis andrà a sostituire e migliorare le varie postazioni wifi cittadine e metropolitane già esistenti, raccogliendo e immagazzinando dati e preferenze di tutti gli utenti sotto un unico server.

A questo proposito il sottosegretario allo Sviluppo economico Antonello Giacomelli ha così commentato:

WIFI GRATIS“L’Italia sta recuperando su tutti gli aspetti della connettività. WiFi.Italia.it ci permetterà di avere una fotografia reale e completa del turismo del nostro paese. E per la prima volta, ad avere questi dati non sarà un gigante del web, ma un paese, il suo sistema pubblico, disponibile a collaborare con tutti e soprattutto con i giovani”.

Attendendo che la copertura di rete wifi gratis arrivi in tutte le piazze d’Italia, l’iniziativa di Wifi.italia.it avrà sicuramente risvolti positivi  sia per l’immagine che per l’efficienza del servizio pubblico del nostro paese.

LSD – LO SAPEVI DI…ERNEST HEMINGWAY

Image uploaded from iOS (2)

LSD – lo sapevi di è una nuova rubrica che si occuperà di alleggerirvi la giornata, e magari anche lo studio, con dei simpatici aneddoti su scrittori famosi, personaggi storici, ma anche cantanti ed attori.

Il nostro scopo è quello di rendere più piacevole la figura di alcuni personaggi che vi saranno apparsi pesanti durante gli studi. Qua ci soffermeremo sui lati e le personalità divertenti di questi personaggi di cui sicuramente i vostri professori non vi parleranno mai.

Oggi in LSD – lo sapevi di si parlerà Ernest Hemingway, celebre scrittore e giornalista statunitense, che tutti avrete avuto la possibilità di conoscere tra i banchi di scuola. Il suo libro più famoso è senz’altro il vecchio e il mare, che diede la possibilità all’autore di vincere il nobel per la letteratura.

Questo favoloso romanzo nasce dalla forte passione dello scrittore per il mare.

Ad Hemingway non piaceva soltanto il mare, era un vero appassionato di pesca, oltre che di caccia, e già questo appare sorprendente per un personaggio conosciuto comunemente come iracondo e famoso per il suo essere irrequieto.

Image uploaded fromddd iOS (2)Era proprietario di una barca chiamata ‘Pilar’ con la quale lo scrittore era solito andare a pesca al Marlin e al barracuda; e l’aneddoto di oggi ci arriva proprio da qui, dalle parole del comandante della sua barca Gregorio Fuentes.

Hemingway era proprietario di una casa a Cuba e le sue battute di pesca si svolgevano nel braccio di mare compreso tra Cuba, appunto, e la Florida. Un giorno insieme all’inseparabile amico e comandante Fuentes, invitarono il poeta Archibald McLeish a salire a bordo della Pilar, ma non fu una giornata fortunata.

Dopo un’intera mattinata passata a cercare di prendere qualche pesce con scarsi risultati, Hemingway stizzito ed arrabbiato decide di scansare dal timone Fuentes per dirigersi verso un’isola disabitata. Qui fece scendere senza troppi complimenti l’amico McLeish, ritenuto la causa della pesca infruttuosa a causa delle “numerose stupidagini dette” ed “il suo ruolo da iettatore”.

Abbandonato sull’isolotto il poeta, Hemingway si diresse come se niente fosse verso le isole Key per continuare la sua giornata di pesca in tranquillità. Fu solo grazie a Pauline, la seconda moglie dello scrittore, che in serata Hemingway tornò indietro con Fuentes e la Pilar a recuperare il povero McLeish.

TROVARE BORSE DI STUDIO UNIVERSITARIE NON E’  MAI STATO COSI’ FACILE!

riscattare laurea

Nasce la European Funding Guide, motore di ricerca che permette di trovare le borse di studio universitarie nella UE più adatte al profilo dello studente. Il software raccoglie oltre 12.300 borse di studio. Mica poco!

laureaIl motore di ricerca, innanzitutto, sfata “i 5 miti relativi alle borse di studio” in cui tutti caschiamo:

1) “Tutte le borse di studio sono assegnate in base al merito”. Non è vero: c’è un’ampia varietà di criteri, dal lavoro dei genitori del richiedente al suo luogo di residenza.

2) “Ci sono sono pochi enti che offrono borse di studio”. Falso, sono numerosissimi e propongono borse di studio dal valore totale di 27 miliardi di euro!

3) “Bisogna frequentare il primo semestre del corso di studi per richiedere una borsa di studio”. Sbagliato pure questo. Le borse di studio sono a disposizione 12 mesi all’anno!

4) “Troppi studenti richiedono le borse di studio”. No! I due terzi degli studenti europei non le hanno mai richieste.

5) “Richiedere una borsa di studio è un processo lungo e faticoso”. Non è vero: bastano pochi click!

E allora perché non provare? Ottenere borse di studio adatte alle proprie esigenze è semplicissimo! Basta seguire questi cinque punti!

1) È necessario, innanzitutto, riempire il questionario online. Si richiede il grado di studi, la nazione e la disciplina accademica del candidato. Non vi fate intimorire, però: bastano pochi minuti.

2) Una volta effettuata la ricerca, compariranno le migliori borse di studio adatte alle esigenze del richiedente. Sceglietene una o più!

3) Inviate il vostro CV e la lettera di presentazione e attendete pazientemente: la stessa European Funding Guide avverte gli studenti che prima che gli enti universitari esaminino le vostre richieste ci vuole del tempo.

4) Se siete fortunati verrete ricontattati e vi verrà chiesto di partecipare ad un colloquio di gruppo, la cosiddetta “group discussion”. Lo scopo di questo colloquio è comparare direttamente i candidati.

5) A questo punto, se verrete scelti, otterrete l’agognata borsa di studio. Buono studio!

TECNOLOGIA : ARRIVA HYDROGEN ONE, IL PRIMO TELEFONO A OLOGRAMMI

TEL OLO

Il progresso tecnologico non dorme mai. Procede spedito, affascina e incuriosisce i più, fino ad entrare nelle nostre case cambiando le nostre abitudini. Il telefono a ologrammi progettato dalla RED http://www.red.com, famosa azienda di videomaking, ha scombussolato il mercato, catalizzando l’attenzione di tutto il web.

Image uploaded from iOS (1)

Per gli appassionati di smartphone e tecnologia è senza dubbio la notizia del secolo: sarà finalmente possibile videochiamare i nostri amici con il telefono a ologrammi, e realizzare così il sogno di vedere “materializzato” davanti a noi il soggetto con cui stiamo parlando.

L’azienda non ha ancora voluto rivelare i dettagli tecnici del prodotto, poichè commercializzerà il primo telefono a ologrammi soltanto nel 2018.

Nel frattempo però è già partita sul sito www.red.com la modalità di vendita con prelazione, a prezzi “agevolati”. Il costo per il primo telefono ad ologrammi mai creato dall’uomo è comunque molto alto: 1195 dollari per la versione di fascia più bassa in alluminio e di 1595 dollari per quella “premium”, con cassa di titanio.

jkl iOS (1)Quello che è già stato etichettato come lo “smartphone del futuro” si chiama Hydrogen One e sarà equipaggiato con il sistema operativo Android. Tra le sue particolarità prevede il display olografico da 5,7 pollici che, sfruttando nanotecnologie non ancora specificate, riuscirà a mostrare ologrammi tridimensionali con audio e stereo, senza alcun bisogno di occhiali o strumenti aggiuntivi per la realtà aumentata.

Il primo telefono a ologrammi, sarà dunque dotato delle migliori tecnologie del settore, giustificando la spesa da parte dei fan. Videochiamare in stile “StarWars” non sarà più fantascienza grazie alla RED, che non ha ancora rilasciato notizie ufficiali circa l’eventuale disponibilità di Hydrogen One al di fuori del mercato americano.

Nei prossimi mesi si avranno sicuramente maggiori dettagli riguardo alla diffusione sul mercato e alle specifiche tecniche del primo telefono a ologrammi.

booAd ogni modo, RED potrebbe aver scritto una pagina epocale della tecnologia a portata di palmo, con il telefono a ologrammi che consentirà di sfondare il muro “fisico” tra immagine e materia.

EVENTI IN BUS, NUOVA FRONTIERA PER I CONCERTI IN TRASFERTA

eventi-in-bus-concerti

Vi è mai capitato di dover rinunciare ad andare al concerto di uno dei vostri idoli musicali perché non trovavate alcuna risposta al “E mo come faccio? Chi c’ha i soli pure per dormire fuori?”?

Tutto, ormai, è possibile con EVENTI IN BUS.

bus-concertiI concerti hanno un costo, figuriamoci quelli in trasferta. Treni, ostelli, alberghi e biglietto per il live, spesso si raggiunge quasi il costo di un vero e proprio viaggio. E poi il tempo, volano almeno un paio di giorni… e se avete gli esami? Panico.

No, non disperate.

2779a4360f9b2c43429104f359095e75a66f2f0e

Mi sono trovata in questa situazione di apparente caos forse troppe volte, ma da qualche anno a questa parte ho trovato una valida soluzione al problema, che non capisco ancora perché, non è conosciuta da tutti i veterani dei concerti in trasferta.

La soluzione si chiama EVENTI IN BUS. In realtà è la cosa più intelligente che si potevano inventare, si tratta di un servizio autobus che vi porterà e vi riprenderà (in base alle vostre esigenze) fuori dal palazzetto/arena/ippodromo in cui avrà luogo il concerto. Potrete richiedere viaggi di sola andata o di solo ritorno. In questo caso è previsto uno sconto del 20% sul prezzo indicato all’interno delle linee.

Schermata 2017-06-24 alle 10.16.26

EVENTI IN BUS fa fermate in tutta Italia, potrete controllare autonomamente sul sito le fermate della vostra regione e la disponibilità dei concerti che prevedono tale servizio. Normalmente il servizio è talmente efficiente che vi porterà nel luogo del concerto poco prima dell’apertura del concerto.

Avrete un accompagnatore di riferimento, che potrete “disturbare” davvero in qualsiasi momento. EVENTI IN BUS vi riaccompagnerà quindi sani e salvi a casa, senza farvi spendere una miriade di soldi per godervi un live fuori casa. Inutile dirvi che i bus sono forniti di tutto, quelli più nuovi anche di prese per ricaricare il telefono e se vi va bene pure il wi-fi.

Le partenze con EVENTI IN BUS vengono confermate entro una settimana dall’evento, al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti (di solito 20 persone). Inoltre potrete anticipatamente prenotare la vostra corsa lasciando un acconto minimo e completando il pagamento in un momento successivo.

Siete minorenni e viaggiate soli? EVENTI IN BUS pensa anche a questo basterà fare firmare ai vostri genitori o tutori legali un’autorizzazione ed è fatta!

EVENTI IN BUS vi da la possibilità di partecipare a tutti gli eventi che desiderate e vi spiega anche il perché!

LA COMODITA’ DEI LIBRI SCOLASTICI A DOMICILIO

Composition with vintage old hardback books, diary, fanned pages on wooden deck table and green background. Books stacking. Back to school. Copy Space. Education background

Vi piacerebbe ricevere i libri scolastici a domicilio?

Avete capito bene, libri di testo nuovi o libri usati direttamente a casa. Per il nuovo anno scolastico non sarà più fantascienza ordinare i libri di testo comodamente seduti sul divano di casa. Basterà sapere la lista di tomi scolastici della propria scuola e sezione, e con un semplice click ed un collegamento ad internet i libri saranno consegnati a casa.

Le lunghe attese davanti alle librerie, i gruppi whatsapp che irromperanno nelle vostre giornate per disquisire in quale libreria ordinare i testi scolastici, saranno un lontano e poco rimpianto ricordo.

libriscolastici_2016_d0Nell’era della tecnologia, nel nuovo mondo hi-tech, basta una semplice applicazione sul cellulare ed avrete i libri scolastici a domicilio direttamente a casa.

Se vorrete dare una sbirciata in anteprima su ciò che leggerete durante il nuovo anno accademico, potrete farvi recapitare i testi scolastici anche in vacanza.

Preferite avere dei libri usati ed economizzare le spese scolastiche?
State tranquilli che il servizio della domiciliazione dei testi scolastici sarà possibile anche per l’usato.

Una lista infinita, divisa per autori, argomenti, case editrici sarà liberamente messa a disposizione negli spazi dell’etere digitale.

Anche le case editrici si sono attrezzate per offrire libri scolastici a domicilio, nulla vieterà di contattarle con largo anticipo, ed averli a disposizione direttamente il primo giorno di scuola sui banchi.

Tutto questo ampio e comodo servizio nasce per colmare l’esigenza di iniziare subito il programma scolastico, senza perdere giorni dietro all’attesa dell’arrivo dei libri scolastici nelle librerie preposte.

collection of books randomly positioned as seen from aboveInoltre l’esigenza di appartenere ad uno stile di vita sempre più smart ha messo le case editrici e le nuove applicazioni digitali di fronte ad attuali necessità.

La comodità viene incontro alla scuola, all’istruzione. I libri di testo a domicilio rivoluzionano un mondo per lo più statico e poco accomodante.

Il dover attendere l’inizio di un nuovo anno scolastico, l’attesa di avere delle liste cartacee da dover depennare ogni volta che un libro arriverà dietro il bancone delle librerie sarà una lontana reminiscenza.

Riuscite ad immaginare il piacere sapore di annusare la carta stampata appena arrivata magicamente a casa vostra?

Non pensate più che sia un’utopia, abbandonate il pensiero di esser tra gli ultimi a ricevere i libri scolastici di testo.

Non ci saranno mai più genitori disperati e stressati, in ansia per non trovare i testi. Genitori stanchi ed oberati da incombenze, pronti comunque a trovare occasioni di libri usati da far portare a scuola con le giuste tempistiche.

Ci saranno solo genitori rilassati, pronti a cercare in ritagli liberi di tempo i libri scolastici, attendere con gioia il loro arrivo per poter essere al corrente del percorso di studio dei propri figli.

Anche per quanto riguarda i testi universitari, i libri a domicilio saranno una possibilità tangibile. Non appena il professore confermerà le letture accademiche, sarà possibile ordinare i libri nuovi oppure usati mediante la domiciliazione digitale.

Quando la tecnologia viene incontro alla cultura si è certi che nascerà uno sposalizio del sapere perfetto ed ineccepibile.

POUTCASE, INNOVAZIONE E FEMMINILITA’

pout-phone-case-open

Le make-up addicted da oggi potranno dire addio a quegli attimi di panico in cui il trucco sbavato le rende impresentabili e non si trova niente per rimediare. La soluzione è nuova e fashion e si chiama Poutcase.poutcase-cover-telefono-trucchi-2

Poutcase è la cover del telefono che tutte le donne vorrebbero avere: con paletta di trucchi personalizzabile ed estraibile, nessun’emergenza sarà impossibile da affrontare.

L’idea è (ovviamente) nata da una donna, Nafissa, CEO della attuale società (POUT&co.), durante una riunione di lavoro. Arrivando di corsa e in ritardo, si trovava sprovvista dei suoi trucchi. A quanto racconta Nafissa, la sorella le prestò la sua paletta di trucchi che legò con un’elastico al suo smartphone, per poi fiondarsi in bagno a truccarsi.

Da quel momento l’idea Poutcase: niente di più semplice di una cover del telefono con i trucchi incorporati!

COME FUNZIONA POUTCASE:

Il dorso della cover presenta un piccolo scompartimento estraibile dove inserire la propria palette di trucchi, con la possibilità, naturalmente, di personalizzarla a piacimento. Il compartimento si estrae semplicemente trascinandolo verso il basso, ed il gioco è fatto: potete truccarvi tra una portata e l’altra di una cena romantica o aggiustare i dettagli prima di un selfie da postare sui social network.

poutcase-cover-telefono-trucchi-4Da una semplice esigenza femminile, adesso la Pout&Co punta a prendersi il mercato delle cover con i trucchi incorporati.

Poutcase infatti è la prima cover dello smartphone dotata di paletta make up al mondo.

Al momento è possibile acquistare Poutcase solo sullo shop online del sito, ma presto sarà disponibile su tutti i grandi store digitali.

NASA, SUCCESSO KEPLER: SCOPERTI 10 NUOVI PIANETI ABITABILI 

kepler

L’universo non finisce mai di stupire. La NASA, diffondendo gli ultimi dati del telescopio spaziale Kepler, ha annunciato la scoperta di 219 possibili pianeti, di cui 10 sarebbero “pianeti abitabili”.

galassia

L’annuncio di oggi è solo l’ennesimo successo del super-telescopio Kepler, che ha iniziato a esplorare lo spazio nel lontano 2009, arrivando a scoprire oltre 4.034 corpi celesti: di questi, 2.335 sono stati verificati come “nuovi pianeti” di cui fino ad oggi si è ignorata l’esistenza, e più di 30 di questi stati invece definiti come “pianeti abitabili”.

Questi 10 possibili gemelli della Terra, sono grandi più o meno quanto il nostro pianeta e si trovano nella cosiddetta fascia abitabile, cioè alla giusta distanza dalla propria stella di riferimento per poter avere acqua liquida in superficie.

kepler illustrazione

L’ipotesi che si possano trovare forme di vita su questi pianeti abitabili non sono dunque così remote.

La notizia dà sicuramente ancora più slancio alle compagnie spaziali che da una decina di anni a questa parte stanno investendo montagne di capitali per studiare la fattibilità della “colonizzazione dello spazio”, che a detta di molti sarà la rivoluzione del secolo che stiamo vivendo.

Jeff Bezos, multi-miliardario imprenditore americano, ha lanciato la scommessa del turismo spaziale con la sua navicella Blue Origin, che dovrebbe essere collaudata e pronta per il primo lancio nel 2018.

kepler telescopio

La scoperta di nuovi pianeti abitabili non ferma però la sete di scoperta dei ricercatori NASA, che già nell’estate di due anni fa avevano scoperto Kepler452b, ritenuto come il  pianeta più simile alla Terra per possibili condizioni abitative.

Sono infatti in corso gli studi di fattibilità di un lancio umano verso il “gemello della Terra”, come confermato da Paolo Nespoli, astronauta e ingegnere NASA che ha dichiarato: “E’ solo questione di tempo, ci arriveremo”.

Aspettando le vacanze spaziali, oggi abbiamo una certezza rispetto a ieri: esistono 10 pianeti abitabili in più al di fuori della Terra.

I 5 MIGLIORI CAMPUS ESTIVI DI VOLONTARIATO

volontari

I campus estivi di volontariato sono un’opportunità per i ragazzi di fare una vacanza utile per il mondo, ma allo stesso tempo molto divertente e coinvolgente. Abbiamo, quindi, segnalato qui i migliori 5 campus estivi di volontariato. Ma attenzione! I posti sono pochi, affrettatevi.

#AMNESTY SUMMER CAMP

amnestyPer chi ha a cuore i diritti umani questa è la vacanza giusta! La nota onlus propone, infatti, dei campus estivi in tutta Italia dedicati a temi quali la discriminazione, l’immigrazione e la tortura. Insomma, una vacanza diversa per riflettere sui diritti umani!

#ORTO A LAMPEDUSA

Terra Camp 2017L’onlus “Terra!” propone un campus estivo di volontariato a Lampedusa. Il progetto, che si compone di lezioni teoriche e pratiche, prevede la coltivazione di un orto ecologico, non trascurando, però, la realtà e la storia dell’isola alle porte dell’Europa. Vengono, inoltre, insegnate ai ragazzi piccole tecniche di edilizia, come la costruzione di un muretto a secco o una casetta con canne di bambù. Da non perdere!

#DESTINAZIONE ZAMBIA

zambiaLe associazioni “Archè” e “Amami” propongono ai ragazzi interessati la partecipazione a una missione dei padri Gesuiti in Zambia. Il campus consiste nel prestare assistenza ai locali bambini orfani, soprattutto sul piano dell’istruzione. Prevede, inoltre, visite della realtà locale. Si paga solo il viaggio aereo e l’assicurazione; non obbligatoria, ma consigliata, una donazione per la missione.

#LUNARIA

lunariaL’associazione di volontariato “Lunaria” propone  moltissimi campus estivi di lavoro, in Italia come in Europa. I ragazzi possono vivere un’esperienza solidale e coinvolgente insieme a moltissimi loro coetanei provenienti da tutta Europa. Si può scegliere di dedicarsi all’agricoltura, all’edilizia, o alla tutela del patrimonio culturale ed ambientale. Si paga solo l’iscrizione e il viaggio per questo campus estivo!

#«ESTATE LIBERI»

liberaQuesto campus estivo, organizzato dall’associazione “Libera” di don Ciotti, propone esperienze di impegno e di formazione sui terreni confiscati alle mafie. L’obbiettivo è quello di diffondere «una cultura fondata sulla legalità democratica e sulla giustizia sociale, che possa efficacemente contrapporsi alla cultura della violenza, del privilegio e del ricatto». Un buon motivo per scegliere questo campus estivo!

I TRE POSTI PIÙ STRANI DI ROMA

cop

I tre posti più strani di Roma, pur essendo sorprendenti, sono sconosciuti ai più. In questa breve guida, proveremo a descriverli. Dalla Porta Alchemica alle anamorfosi del convento di Trinità dei Monti, ecco a voi i tre posti più strani di Roma.

#PORTA ALCHEMICA (piazza Vittorio Emanuele II)

-PortaAlchemicaEdificata nella seconda metà del XVII secolo per volere del nobile Massimiliano Palombara, è frutto del forte fermento intellettuale che si affollava intorno alla regina di Svezia Cristina, venuta a Roma dopo aver abdicato.

Questo circolo, che si riuniva a palazzo Riario, era affascinato dalle scienze esoteriche e in particolare dall’idea di trasformare in oro ogni cosa tramite l’utilizzo della pietra filosofale. Proprio uno di questi alchimisti, Francesco Borri, secondo la leggenda, un giorno scomparve, lasciando un foglio pieno di misteriose scritte. Palombara le fece trascrivere sulla porta.

Alla sua sommità, è affisso un grosso disco con un doppio triangolo a forma di stella a sei punte del re Salomone: l’apice inferiore dell’esagramma contiene il simbolo dell’occhio, che simboleggia, allo stesso tempo, l’oro e il sole. Su questo è incisa una scritta misteriosa: “TRI SVNT MIRABILIA DEVS ET HOMO MATER ET VIRGO TRINVS ET VNVS” ovvero “tre sono le cose mirabili: Dio e l’uomo, la madre e la vergine, l’uno e il trino”.

Un vero e proprio concentrato di mistero che fa entrare la porta  alchemica  nella top 3 dei posti più strani di Roma.

#CRIPTA DEI CAPPUCCINI (via Veneto)

cripta cappucciniTra i posti più strani di Roma, non si può non ricordare la cripta dei Cappuccini a via Veneto.

Alla base della Chiesa di Santa Maria della Concezione dei Cappuccini, si trova la famosissima cripta, decorata interamente con le ossa di 4000 frati Cappuccini raccolte tra il 1528 e il 1870. La cripta è divisa in cinque cappellette, che contengono anche alcuni corpi mummificati di frati indossanti l’abito caratteristico dell’ordine.

I visitatori sono avvertiti: Quello che voi siete noi eravamo; quello che noi siamo voi sarete.”

Le ossa compongono tradizionali simboli legati alla morte come clessidre, orologi e farfalle. Falangi e coccigi compongono lampadari che pendono dal soffitto.

La scelta può apparire macabra, ma in  realtà è un modo per ricordare al visitatore che dovrà morire (il celebre “memento mori”) e che il suo corpo non è altro che un contenitore dell’anima e in quanto tale può essere riutilizzato per svariati usi.

#CONVENTO PRESSO LA CHIESA DI TRINITÀ DEI MONTI

Convento_Trinita_Monti_AnamorfosiAlla destra della Chiesa della Santa Trinità dei Monti, si erge il convento costruito per alloggiare i frati Minimi.

Tanti di questi conducevano studi scientifici ed erano interessati all’ottica, alla prospettiva e all’astronomia. Uno in particolare, padre Maignan, dipinse nel convento due anamorfosi (dal greco “ formare di nuovo”), ossia due disegni che assumono diverse forme a seconda della prospettiva da cui li si guarda.

Una di queste due anamorfosi, se vista lateralmente, raffigura San Francesco di Paola, fondatore dell’ordine; se vista frontalmente, però, rappresenta la Calabria, terra natale del santo. L’altro disegno, se visto lateralmente, raffigura San Giovanni che scrive l’Apocalisse; se visto frontalmente, invece, rappresenta l’isola di Patmos, dove il santo, secondo la tradizione, avrebbe avuto una visione di Cristo.

Questa rara e particolare forma d’arte porta di diritto il convento di Trinità dei Monti nella classifica dei posti più strani di Roma!