LE 5 TIPOLOGIE DI TESINE DEGLI STUDENTI IN VISTA DELLA MATURITA’

Image uploaded from iOSL

In questa classifica vedremo quali sono le 5 tipologie di tesine che gli studenti preparano in vista della maturità.

Che sia una tesina di maturità del liceo scientifico, liceo classico o alberghiero poco importa, l’importante è azzeccare e prevedere quello che i prof vogliono da te.

L’orale è alle porte, l’ansia sale, le tesine sono ormai tutte  pronte da tempo e ora stai studiando un discorso per far filare tutto liscio come l’olio.

Sai che è l’unica opportunità per far tacere, se pur momentaneamente, i professori e le loro domande scomode, e che questa tesina potrebbe anche essere la tua unica chance per figurare bene all’orale.

È una partita a scacchi la tesina in vista dell’orale, la devi preparare in modo che già saprai quale sarà la prossima mossa o domanda del professore.

E allora andiamo nel dettaglio e vediamo 5 tipi di tesine, ci sono quelle buone e quelle meno buone, la tua quale sarà?

 1. LA SCONTATA

Image uploaded from iOKKSE’ la classica tesina che hai trovato su internet, risale al 1975 e probabilmente tuo padre o tua madre avevano in classe qualcuno che la fece identica. Magari anche bella, ma una di quelle che i professori non riescono più a sentire ed al quinto minuto di interrogazione ti bloccano per passare alle domande.

Old But Gold.

 2. L’ORIGINALE:

Image uploaded from iOSProfessori finalmente soddisfatti. In 5 anni non hai mai sorpreso nessuno, ma questa volta sulla tesina hai puntato tutto e ti va anche di lusso: “questo sì che è bravo” si avverte la voce in lontananza di un prof esterno; da lì tutto in discesa, tronfio ed orgoglioso finirai di esporre la tua creazione ed anche se alle domande poi farai scena muta cosa importa?! HaiFattoCentro.

3. QUELLA CHE PIACE AGLI INTERNI E NON AGLI ESTERNI:

Image uploaded from iOSKLa disdetta più grande che puoi ricevere; tutti i tuoi professori che ti conoscono da anni la adorano, ma quando la presenti agli esterni qualcosa va storto. Chi non la capisce, chi la pensa banale, chi pensa che ti abbiano aiutato. È forse il più grande rischio che si può correre, ma in fondo è del tutto soggettivo.

Ogni scarrafone è bello a mamma sua.

4. QUELLLA COLLEGATA MALE:

COLLEGAT AMLESarebbe magari anche una buona tesina, ma hai toppato qualsiasi collegamento delle materie e rischia di essere non capita. Hai voluto far di testa tua, i professori te l’avevano detto di correggerla, ma tu eri convinto del tuo capolavoro e non hai cambiato una virgola. Professori annoiati ti faranno poi domande sui collegamenti che non hai azzeccato. Genio incompreso.

5. LA RISCHIOSA:

RISCHIOSATu non la copi, tu non vuoi sentire cosa hanno da dire a riguardo amici, parenti e professori, questa volta vuoi farcela con le tue forze. Andrà bene? Andrà male? Ai posteri l’ardua sentenza, tu per lo meno sarai sicuro di avercela messa tutta e di avere provato ad essere originale, anche se non sempre tutto va come speriamo.

Rischia tutto.

VIAGGIO DI MATURITA’: COME OSARE!

People talking in vans on beach

Quando avrete finito gli esami potrete finalmente tuffarvi a pieno nelle vostre vacanze estive, e l’unica cosa di cui dovrete preoccuparvi sarà organizzare il viaggio di maturità.

Per evitare di cadere nel classico “Mamma posso andare a Mykonos?”, ci sono diverse alternative per il viaggio della maturità, o meglio della vita perché il viaggio di maturità ve lo ricorderete per sempre.

Potreste non conoscerle ma ci sono davvero tante diverse alternative (a volte anche molto più economiche!) alle classiche Ios, Kos, Mykonos, Formentera, e Palma per il vostro viaggio di maturità.

#INTERRAIL

Avete tra i 12 e i 27 anni? Bene, prendete uno zaino grande, deve pesarvi sulla schiena. Prendete 4 o 5 amici, decidete un percorso in giro per l’Europa: potrete andare sul classico (le principali capitali europee) o percorsi più insoliti concentrandovi sulle piccole cittadine d’Europa.

Prenotate il vostro biglietto che vi permetterà di viaggiare in giro per tutto il continente per i Interrailgiorni che desiderate (info:  https://www.interrail.eu/it ). Se volete concentrarvi su un unico paese potrete scegliere anche un biglietto che vi permette di girare in lungo e largo per il paese che avete scelto.

Il divertimento è assicurato, avrete modo di vedere posti meravigliosi ad un costo contenuto zompando da un ostello all’altro e conoscendo davvero tanta gente che è in viaggio proprio come voi e con cui potrete condividere birre e risate in giro per l’Europa.

Faccio un po’ il tifo per questo tipo di viaggio, è anche un buon modo per mettere alla prova la propria organizzazione da “MATURI”!!

#ITALIA

Sicilia-2A cosa serve allontanarsi tanto se abbiamo luoghi meravigliosi nel nostro paese e neanche li conosciamo?

Se siete amanti della natura e della ruralità concentratevi nel Sud Italia: personalmente vi consiglio la Sicilia, regione dall’aroma aspro e dolce allo stesso tempo, ricca di storia, posti nascosti e particolari, di buon cibo e buon vino.

Se ricercate un po’ più di vida loca oltre alla bellezza naturale e relax, fatevi un giro in Puglia: il Salento potrebbe essere la soluzione giusta per il vostro viaggio di maturità: spiagge caraibiche e movida; non sottovalutate anche un bel giro nel Gargano.

#ON THE ROAD

Partite senza meta, o meglio programmate giusto il minimo. Scherzi a parte, trovate qualche amico folle con cui partire, affittate un pulmino e vacanza-on-the-road-1mettetevi in strada, un po’ come Basilicata Coast to Coast.

Andate dove tira il vento, io vi consiglierei la Sardegna o la Corsica, il mare sarà il vostro compagno e potrete fare un viaggio un po’ più hippie di altri. Per il pulmino se ne avete la possibilità affittate un bel Volkswagen T2, sempre che abbia dei costi accessibili. Se siete musicisti caricate su la chitarra e la sera fermatevi nelle piazze dei luoghi che visitate per strimpellare qualche canzone con i passanti, sperando di racimolare qualche spiccio per la benzina.

Insomma, osate! Perchè i ricordi che arricchiranno il vostro bagaglio renderanno epico il vostro viaggio di maturità.

Questi consigli non escludono che voi possiate scegliere mille altre tipologie di viaggio della maturità, sbizzarritevi in qualsiasi modo, dalle scelte più classiche a quelle più strambe, basta che la parola d’ordine sia VACANZA!

Buon viaggio maturandi!

TEST D’AMMISSIONE FACOLTA’ A NUMERO CHIUSO: DATE E MODALITA’ 2017

test chiuso

Per migliaia di studenti di tutta Italia gli esami di maturità non sono ancora finiti, ma è già arrivato il momento di pensare ai test d’ammissione per accedere alle facoltà a numero chiuso. Come ogni anno il MIUR ha diramato un comunicato, chiarendo  quali siano i passaggi necessari per partecipare ai test d’ammissione per i vari corsi di studio.

fry futuramaLa normativa riguardo i test d’ammissione per le facoltà a numero chiuso infatti prevede delle rigide scalette e scadenze da rispettare.

Gli atenei che prevedono il test d’ammissione a numero chiuso sono, anche quest’anno: Medicina, Veterinaria, Professioni Sanitarie, Architettura e Scienze della Formazione Primaria.

In questa breve guida sono riassunti gli atenei con il test a numero chiuso e le rispettive modalità d’ammissione: tutto quello che c’è da sapere riguardo posti disponibili, pubblicazione dei risultati e le graduatorie a scorrimento.

TEST MEDICINA E ODONTOIATRIA 2017: IL BANDO

Per quanto riguarda Medicina e Chururgia e Odontoiatria il test d’ammissione sarà lo stesso in tutte le sedi d’Italia. La data scelta dal ministero è il 5 settembre alle ore 11.00, e i candidati saranno sottoposti a un test composto da 60 domande, con 100 minuti di tempo a disposizione.

I posti disponibili sono 9.100 per Medicina e Chirurgia e 908 per Odontoiatria.

Le iscrizioni al test a numero chiuso apriranno il 3 Luglio, e verranno chiuse il 25 Luglio. Le graduatorie con i risultati, invece, saranno disponibili dal 3 Ottobre.

test numero chiusoTEST MEDICINA IN LINGUA INGLESE 2017

Per quanto riguarda invece la facoltà di medicina in lingua inglese il test d’ingresso a numero chiuso si svolgerà il 14 settembre, con le stesse modalità del test d’ingresso per medicina in italiano:100 minuti nei quali svolgere 60 domande.

I posti disponibili sono 501.

Le iscrizioni al test a numero chiuso saranno aperte dal 3 luglio al 25 luglio sul sito Universitaly.

La prova potrà essere svolta a di Bari, Milano, Bologna, Pavia, Roma (La Sapienza e Tor Vergata), Napoli (Federico II e Luigi Vanvitelli), Siena e Torino.

La graduatoria finale del test a numero chiuso sarà pubblicata l’11 Ottobre.

TEST VETERINARIA 2017

Il test d’ingresso a numero chiuso di Veterinaria si svolgerà il 6 settembre 2017 alle ore 11.00, e prevede 60 domande da svolgere in 100 minuti.

I posti disponibili sono 655.

Le iscrizioni saranno aperte dal 3 al 25 Luglio, mentre la graduatoria verrà pubblicata il 3 ottobre.

TEST ARCHITETTURA 2017

Per la facoltà di Architettura, il test a numero chiuso prevede 60 questi a risposta multipla da svolgere in 100 minuti. Il test d’ingresso si svolgerà in tutta Italia il 7 settembre alle ore 11.00.

I posti disponibili ad oggi sono 6.873.

Le iscrizioni avverranno sul sito Universitaly dal 3 al 25 Luglio, mentre la graduatoria nazionale sarà consultabile il 3 Ottobre.

laureatiTEST PROFESSIONI SANITARIE 2017

Il test d’ammissione per Professioni Sanitarie si volgerà nazionalmente il 13 settembre 2017 nonostante le domande verranno redatte dai singoli atenei, attenendosi alle direttive del Miur.

La prova d’ammissione consisterà comunque in 60 domande da svolgere in 100 minuti.

I posti disponibili saranno assegnati dal Ministero e suddivisi tra i singoli corsi di laurea. Per avere maggiori informazioni è necessario consultare il sito del MIUR.

TEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA 2017

Il test a numero chiuso per accedere alla facoltà di Scienze della Formazione Primaria sarà redatto dai vari atenei, che si atterranno alle direttive del ministero.

La data scelta per la prova è il 15 settembre.

Il test a numero chiuso sarà composto da 80 domande a risposta multipla così suddivise:

40 di competenza linguistica e ragionamento logico, 20 di cultura letteraria, storico-sociale e geografica e 20 di cultura matematico-scientifica, con 150 minuti a disposizione dei candidati.

I posti disponibili sono 6.399.

Per chi volesse leggere il bando completo riguardante tutti i test d’ammissione a numero chiuso per i vari atenei, è disponibile sul sito del MIUR al seguente link:

http://www.miur.gov.it/web/guest/-/modalita-e-contenuti-delle-prove-di-ammissione-ai-corsi-di-laurea-e-di-laurea-magistrale-a-ciclo-unico-ad-accesso-programmato-nazionale-a-a-2017-2018

I 5 TIPI STUDENTE CHE ARRIVANO ALL’ESAME ORALE DELLA MATURITA’

IMG_0007

È il grande giorno, sembra l’ultima scena di un film che va avanti da 5 anni, è il momento dell’esame orale; non è il momento di guardarsi indietro però, gli amici, le esperienze, i professori saranno tutte cose da ricordare, ma non ora.

In questo momento ci sei tu, solo davanti ad un plotone di professori più agguerriti che mai. La loro bocca è un fucile pronto a far partire dei proiettili che tu dovrai saper abilmente schivare.

Qua non ci sono suggerimenti, non ci sono scopiazzate. Qua si deve far riaffiorare tutte le vecchie interrogazioni, gli escamotage, l’astuzia. È arrivato il momento dell’ultimo e più temuto step del liceo: l’esame orale della maturità.

Qui di seguito una classifica di 5 studenti e di come arrivano all’orale della maturità: c’è chi sta bene, c’è chi sta peggio, ma il comune denominatore è farla finita una volta per tutte.

#LA FORMICA

IMG_0004

E’ il classico bravo studente, si è preparato tutto l’anno per arrivare a questo momento nel miglior modo possibile. Già da novembre preparava riassunti dettagliati di tutte le materie. Da giugno le cicale in difficoltà si rivolgono a lui ed al suo ampio archivio di conoscenze scritte nere su bianco. La formica potrebbe benissimo alzare un business clandestino che in vista dell’estate lo porterebbe ad avere più potenza economica degli USA permettendogli così di mettere a segno una combo maturità-vacanza estiva invidiabile. Ottima tattica.

#IL FORTUNATO

PHOENIX, AZ - NOVEMBER 27: Stephen Curry #30 of the Golden State Warriors shoots a free throw during the game against the Phoenix Suns on November 27, 2015 at U.S. Airways Center in Phoenix, Arizona. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, user is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. Mandatory Copyright Notice: Copyright 2015 NBAE (Photo by Barry Gossage/NBAE via Getty Images)

Lo studente fortunato è quello che ha viaggiato per 5 anni costantemente su una media che va dal 6 al 6.5; il classico studente “è bravo ma non si impegna”, invece allo scritto sorprende tutti – probabilmente anche se stesso – e mette a segno un quantitativo di punti che neanche Curry in una gara di triple contro Maurizio Costanzo. Si siede all’esame orale con una base di punti tra il 50 ed il 60 e adesso per lui è tutto in discesa. 23.

#IL CENTOMETRISTA

IMG_0006-1

E’ lo Usain Bolt dello studio estivo. È quello che più di tutti ha preso sotto gamba la maturità, a dire il vero è quello che prende sotto gamba qualsiasi cosa, probabilmente la vita intera, ma dopo la terza prova qualcosa scatta in lui: e allora al colpo di pistola parte e non si ferma più, inizia a studiare come non ha mai fatto in tutta la sua vita, grazie anche all’aiuto degli appunti del suo amico formica che gli salva l’orale della maturità. Meglio tardi che mai.

#LO SPACCIATO

IMG_0008
Il povero spacciato, in ogni classifica ce n’è uno. Che dire di lui, sempre rimandato, ogni estate nelle roventi aule scolastiche si è dovuto sorbire altre chiacchiere dei prof come se tutto l’anno non fosse bastato. È ormai abituato, ma quest’anno è stato graziato ed ammesso alla maturità con il minimo indispensabile. Gli scritti neanche vanno un granché e totalizza se tutto va bene 25 punti. Serve un miracolo o un esame orale perfetto, ma lui è abituato a giocarsela all’ultimo respiro. Faccio il tifo per te.

#IL ROSICONE

IMG_0009

Povero ragazzo, come esiste il “fortunato” purtroppo esiste anche lo sfortunato. È lo studente che è nella fascia medio-alta, mai rimandato e con una media apprezzabile, ma al momento degli scritti qualcosa non va e non riesce a totalizzare il numero di punti che avrebbe desiderato.

Ed ecco così che inevitabilmente inizia la rosicata, prima se la prende con il secchione, poi con i prof, successivamente con se stesso, ed infine inevitabilmente se la prende con il suo antagonista per eccellenza “il fortunato” che di tutta risposta lo sbeffeggia. Il rosicone ora si trova davanti ad un bivio: studiare per fare l’esame orale di maturità perfetto o altrimenti accontentarsi di un immeritato 60. BadLuck.

LIBRI SCOLASTICI GRATUITI NELLE ZONE COLPITE DAL TERREMOTO

SCUOLA TERREMOTO

Anche nei comuni del centro-Italia, scossi dai diversi sciami sismici degli ultimi mesi, a Settembre ricomincerà l’anno scolastico, e il governo ha fatto sapere che fornirà libri scolastici gratuiti a tutte le famiglie che lo richiederanno.

cartello scuolaIl sistema scolastico deve essere una priorità se si vuole avviare un processo di ricostruzione, e così

il Ministero dell’Istruzione e l’Associazione Italiana Editori hanno siglato un accordo per la fornitura dei libri scolastici gratuiti in tutte le aree colpite dal sisma.

Il nuovo accordo allarga la base del precedente, siglato nell’autunno del 2016 per la fornitura di libri scolastici alle ragazze e ai ragazzi di Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto e Acquasanta Terme, espandendo l’iniziativa agli alunni di tutte le zone interessate.

libri scolastici

Saranno infatti oltre 140 i comuni che potranno godere dell’agevolazione per i libri scolastici gratuiti, rendendo, per quel che si può, meno amaro il ritorno tra i banchi dei ragazzi e sgravando le famiglie dalla spesa per i libri scolastici.

Nei prossimi giorni il ministero girerà agli istituti delle zone interessate una circolare, che servirà a spiegare le modalità per accedere all’agevolazione. Gli istituti avranno tempo fino al 15 Luglio per comunicare al Miur i nominativi dei ragazzi che potranno usufruire di questo aiuto, e per scegliere i libri scolastici da adottare per il nuovo anno.

banchi scuola

L’accordo governo-AIE prevede la fornitura di libri scolastici gratuiti per i prossimi 2 anni, a partire da Settembre 2017.

Se la ricostruzione fisica dei luoghi colpiti dal terremoto procede a rilento, quantomeno il diritto allo studio dei ragazzi verrà riconosciuto, come primo passo per il graduale ritorno a una vita quanto più vicina possibile al “normale”.

LA TERZA PROVA, TUTTO E’ AMMESSO

TELEFONI TERZA PROVA1

La terza prova della maturità è l’ultimo dei tre compiti che compongono “gli scritti” dell’esame di stato.

Anche quest’anno, la tipologia più scelta dalle varie commissioni d’esame per la terza prova sarà la “A”, che prevede un massimo di 5 quesiti, anche a carattere pluridisciplinare, con una risposta che può variare dalle 10 alle 20 righe, a discrezione della commissione.

#LA PIU’ TEMUTA.

La terza prova è probabilmente quella più temuta dai ragazzi maturandi, perchè è quella che può riservare il maggior numero di incognite. Durante la terza prova, infatti, il fattore sorpresa è sempre dietro l’angolo. Può succedere davvero di tutto, in qualsiasi momento.

La leggenda vuole che la notte prima della terza prova, i commissari esterni si trasformino come i lupi mannari, diventando in un attimo dei cacciatori infallibili di qualsiasi tentativo eversivo da parte dei ragazzi.

PROFESSORE FOTO2

La terza prova è la più infame di tutte. Essendo preparata direttamente dalla commissione, può infatti essere ferro ed essere piuma; molto dipenderà dal possibile intervento in vostra difesa dei professori interni, per bilanciare il compito con domande abbordabili.

#IL FATTORE CULO.

Il fattore “botta di culo”, necessario d’altronde anche in tutte le altre prove d’esame, inciderà pesantemente sull’esito del compito, perchè la terza prova è un test da dentro o fuori, in cui si fanno pochi prigionieri e in cui è difficile arrampicarsi sugli specchi, se non si ha almeno un’idea di base dell’argomento della domanda.

MEDUSA ROSA

#L’IMPORTANTE E’ SFANGARLA.

I copiatori incalliti dovranno dunque strare con le antenne dritte, e sfruttare al costo della vita ogni secondo senza il controllo dei professori, per chiedere aiuto ai propri compagni fidati o sfoderare i vari telefoni, bigliettini e tutto ciò che possa contribuire a sfangarla. L’astuzia può fare la differenza.

Sempre la leggenda vuole anche che alcuni professori, un pò bonaccioni e schierati dalla parte dei ragazzi, arrivino addirittura ad accordarsi con gli studenti, “aum aum”, passandogli in anticipo le domande. Succede, raramente ma succede, e per chi deve affrontare la terza prova si tratta davvero di manna dal cielo.

Se vi è capitato, andate a fare un bel pellegrinaggio, siete davvero fortunati.

FESTEGGIAMENTI 4

E così, finito il compito, potrete lasciarvi la terza prova alle spalle, e con lei la parte più difficile dell’esame di maturità.

Scrollate via le ansie e le pressioni del corridoio e superati gli scritti, inizierà infatti la discesa che porta dritta all’esame orale, l’ultimo scoglio che vi separa dalla piena maturità e dalle meritate e sudate vacanze.

LIBRI SCOLASTICI A DOMICILIO: UN SERVIZIO UTILE, COMODO E INNOVATIVO

coffee break

Libri Scolastici a Domicilio, per gli amici LSD, è un’attività nata due anni fa dall’incontro di due ragazzi romani, Oliviero e Valerio.

13709924_1094870873921271_7844074274967319176_nIl servizio di compravendita dei libri scolastici a domicilio ha riscosso subito un discreto successo tra gli utenti, partendo dalla rete per poi entrare fisicamente nelle case di tantissimi romani.

Ciò che ha reso unico e veramente efficace il progetto di LSD è stata sicuramente la vendita e il ritiro dei libri scolastici a domicilio, opportunità che solleva chi deve vendere o acquistare i libri di testo dall’inevitabile routine che il mercato aveva imposto fino a due anni fa: caricare faticosamente i libri e portarli nei vari mercatini dei libri scolastici usati sparsi in giro per la città.

Chi è di Roma capirà quanto stiamo dicendo: spesso ci si ritrovava a girare per la città con bustoni carichi di libri scolastici, sotto il sole di Luglio, e si tornava a casa delusi e con pochi euro in mano.

Le edizioni dei libri scolastici infatti, come sicuramente saprete, cambiano di anno in anno, e non è raro che provando a vendere i libri ai mercatini dell’usato siano più quelli scartati che quelli che effettivamente vengono “presi” come buoni.

Libri Scolastici a Domicilio ha eliminato questo tipo di stress, dato che chi usufruisce del servizio manda preventivamente una foto dei propri libri scolastici usati impilati via Whatsapp, e riceve immediatamente la risposta su quali siano i libri che possono essere presi e quali invece quelli da scartare.

Per chi poi deve comprare  i libri scolastici in vista dell’anno successivo, il discorso è ancora più semplice: basta  inviare, sempre via Whatsapp, la lista dei libri del nuovo anno, prenotare l’appuntamento e aspettare che gli stessi vengano recapitati direttamente a casa.. Niente di più facile!

oli vale andre trentoLibri Scolastici a Domicilio è anche indice di serietà. Trattando un mercato molto competitivo e poco regolamentato (quasi una giungla), LSD ha voluto tutelare i propri clienti con la formula “soddisfatti o rimborsati”. I libri scolastici vengono selezionati dal nostro staff al momento del ritiro, con una particolare attenzione al fatto che non siano rovinati. Trattando l’usato è infatti fondamentale mantenere comunque uno standard qualitativo alto.

In caso il prodotto non rispetti le aspettative del cliente, lo stesso ha diritto al rimborso o se preferisce alla sostituzione entro il 30 Ottobre.

LSD è senza impegno! Se durante la nostra visita non siete soddisfatti del servizio potete ovviamente decidere di non concludere l’affare, senza costi aggiuntivi!

La nostra valutazione è assolutamente trasparente. Libri Scolastici a Domicilio acquista i libri scolastici usati al 15-35% del prezzo di copertina, e vende con uno sconto del 30-50% rispetto al prezzo dei libri scolastici nuovi.

Chi frequenta i mercatini dei libri usati sa che questi sono  i prezzi di mercato, ma Libri Scolastici a Domicilio è l’unica azienda a offrire il ritiro gratuito a domicilio.
Per la consegna dei libri acquistati, invece, basta la piccola aggiunta di 5€ per un numero di libri acquistati inferiore a 5, e di 0,50 € a libro per un numero superiore di libri acquistati!

lsd ragazzi 2

Ma LSD non è solo compravendita di libri scolastici a domicilio. Il progetto è molto più ambizioso!

Il nostro obiettivo è quello di creare una vera e propria comunità scolastica in rete, che coinvolga allo stesso tempo ragazzi e adulti. Per questo la nostra pagina Facebook e il nostro sito internet sono aggiornati giornalmente con tantissimi contenuti come articoli su scuola e cultura o immagini e video divertenti, per una lettura di piacere o una semplice “risata veloce”.

Che altro aggiungere, il progetto è avviato, LSD è già entrato nelle vostre case lasciando tantissimi clienti soddisfatti: guardare vostre le recensioni sulla nostra pagina Facebook “LSD – Libri Scolastici a Domicilio” per credere!

COMMISSARI ESTERNI MATURITA’ 2017

commissari-esterni-maturita

Tiene banco tra i maturandi di tutta italia la questione “toto-nomi” sui commissari esterni della maturità 2017.

Sulla pagina del sito del Miur riguardante l’esame non ci sono ancora aggiornamenti, se si prova a caricare la pagina di riferimento per i commissari esterni della maturità 2017 si viene indirizzati sulla pagina con i nomi dell’anno scorso.

Sia i maturandi  in ansia di conoscere i nomi dei loro carnefici, che i professori, si aspettavano la comunicazione dei nomi dei commissari esterni della maturità nelle segreterie scolastiche già da martedì 30 Maggio.

commissioneComunicazione che, però, non è mai arrivata, alla faccia del #nopanic lanciato nella campagna del ministero riguardante l’esame di Stato.

A quanto pare sembrano esserci stati dei problemi tecnici sul sito del Ministero e le ultime news sostengono che le liste dovrebbero arrivare il 5 nelle scuole, mentre la pubblicazione dei nominativi dei commissari esterni 2017 sul sito del Miur sembra essere prevista per il 6 Giugno.commissione notte prima

Intanto migliaia di maturandi maledicono Ministero e ministra, colpevoli di tenerli sulla graticola fino all’ultimo giorno di 5°.

Sapere i nomi dei commissari esterni della maturità, infatti, aiuterebbe molto i ragazzi che devono sostenere l’esame, dandogli la possibilià di effettuare ricerche su motori di ricerca e social per capire il carattere e le “domande frequenti” di chi li andrà a interrogare, tramite l’aiuto di altri studenti.

Non resta che aspettare dunque il 5 o 6 Giugno, poi partirà la disperata ricostruzione delle identikit dei commissari esterni della maturità 2017.

STUDIARE ALL’ESTERO: #GERMANIA

Genoveva-Gymnasium_K-Muelheim

Studiare all’estero è fare nuove amicizie, nuove esperienze e provare nuove emozioni. Ma studiare all’estero è anche conoscere un sistema scolastico assai diverso dal nostro, come quello vigente in Germania.

Innanzitutto, se avete intenzione di studiare in Germania, dovete però conoscerne l’assetto istituzionale.

La Germania è una repubblica federale formata da 16 stati, i  Länder, autonomi per quanto riguarda le scelte scolastiche. Tuttavia, il sistema dell’istruzione ha, tutto sommato, le stesse caratteristiche in tutto il territorio.

Se volete studiare in Germania, quindi, fate tesoro di queste informazioni.

In tutte le scuole, di ogni ordine e grado, le ore di lezione durano 45 minuti. Dato che, generalmente, il sabato non si va a scuola, talvolta gli studenti escono da scuola alle 15-15:30 per esaurire il monte ore di 30 ore di lezione a settimana (il numero esatto, ovviamente, varia per indirizzo e anno di studi). Non sono gli insegnanti a recarsi nelle aule degli alunni, ma il contrario.

gymnasium di weidenI giorni scolastici all’anno sono 200, come in Italia. Le vacanze sono ripartite in 6 settimane tra luglio e agosto, 2 settimane a Natale, 3 settimane a Pasqua e 1 a Pentecoste.

Non esiste la figura del bidello. I piccoli lavori manuali sono affidati agli Hausmeister, i custodi della scuola. Le pulizie sono effettuate da una ditta privata.

I voti sono da 1 a 6 fino al 10° anno (attenzione! 1 è il più alto e 6 il più basso) e nel triennio finale da 0 a 15 (15 il più alto, 0 il più basso).

Chi vuole studiare in Germania, inoltre, non può non conoscere la suddivisione dei loro studi.

I primi due gradi di istruzione sono simili ai nostri: dai 3 ai 5 anni si frequenta, se si vuole, il Kindergarten, l’equivalente del nostro asilo, e dai 6 ai 10 anni la Grundschule, l’equivalente della nostra scuola elementare.

Il sistema scolastico tedesco non prevede un equivalente della nostra scuola media.

Al termine della Grundschule, i ragazzi tedeschi devono compiere una scelta riguardo all’orientamento di studi da proseguire. Devono, infatti, scegliere tra il Gymnasium, la Realschule, la Hauptschule e la Gesamtschule.

Al Gymnasium, si studiano dalle 2 alle 4 lingue straniere, tra cui le lingue classiche, ossia il greco e il latino. Se si interrompe lo studio al 10° anno, dunque a 16 anni circa, si ottiene la Mittlere Reife (licenza tecnica). Chi invece prosegue gli studi, ottiene al termine del 13° anno, l’Abitur, equivalente del nostro diploma di maturità.

È considerata la scuola di più alto livello.

Coloro che frequentano la Realschule, invece, studiano 2 lingue straniere. Una volta conseguita la Mittlere Reife, ossia la licenza tecnica, gli studenti hanno accesso agli istituti professionali tecnici, di commercio e al triennio di licei Gymnasien (generici o commerciali).

Al gradino più basso, è considerata la Hauptschule. Questo percorso di studi è intrapreso da chi intende, da adulto, praticare lavori manuali. Al termine della Hauptschule, cioè dopo 9 anni di scuola, è possibile iscriversi alla Berufsschule, dove si apprende un mestiere in particolare.

La Gesamtschule, che sintetizza i tre precedenti indirizzi di studio, non è presente in tutti i Länder.

Studiare all’estero non è poi così difficile, se paragonato allo studio del sistema scolastico italiano.