I 10 TIPI DI COMPAGNI DA COMPITO IN CLASSE

simpsons_classroom

Classico, scientifico, artistico, linguistico, non conta quale liceo frequentiate arriva sempre prima o poi, il giorno più temuto e odiato da tutti iragazzi: quello del compito in classe. Eh già, conosciamo bene la sensazione di fratellanza che lega milioni di studenti italiani, colpiti da crisi di ansia e panico di fronte a quel foglio bianco che sembra fissarci lì, davanti a noi, e tutti almeno una volta nella vita siamo arrivati a pronunciare la fatidica frase: “NON SO UN CAZZO”.

Ebbene, in qualsiasi parte d’Italia vi troviate, qualsiasi  liceo frequentiate, abbiamo raccolto i 10 tipi di compagni che vi ritroverete a fianco il giorno del compito.

1) IL CENTOMETRISTA DEI POSTI:

Non importa quanto lontano sia la sua casa rispetto alla vostra scuola, lui sarà sempre lì davanti al cancello prima di tutti e vi guarderà arrivare fissandovi con lo sguardo di chi sa di avercela fatta ancora una volta e col sorriso vi dirà “ultimo banco a destra mio!”

2) L’ANSIOSO:

“Oddio mio e se ci da il 3’ capitolo? ” “Cavolo oggi non so proprio nulla” “Chissà se ci metterà domande difficili” “vado in bagno, bevo e torno” sono solo alcune delle frasi ricorrenti che l’ansioso della classe ripete ad alta voce all’arrivo del prof. Consigli? Se gli finite vicino sopprimetelo, o in alternativa cambiate di corsa il vostro posto!

3) NON SO NIENTE..MA..

Anche questa razza di studenti è molto diffusa soprattutto tra le prime file della classe. Passerà i primi venti minuti a lamentarsi per tutte le domande e al momento della consegna del compito uscirà dall’aula in preda alla disperazione. Ma attenzione, quando la prof riconsegnerà i compiti i suoi voti oscilleranno tra il 7 e il 9, come per magia.

4) L’ASSENTEISTA:

Questo tipo di studente vi sorprenderà: il giorno prima della prova lo troverete al parchetto con gli amici o la sera a giocare a calcetto. Eppure al momento dell’appello il suo nome rimbomberà nel vuoto: sarà sempre assente,con la speranza di dribblare la prova per una o più settimane.

5) L’ARTISTA DEL COPIATO:

Le generazioni cambiano, i mezzi per copiare anche, ma lui sarà sempre presente. Di solito lo potete trovare nelle ultime file della classe ma state tranquilli che riuscirebbe a stupirvi anche se il prof. lo mettesse alla cattedra di fianco a lui. Telefoni multipli, dizionari bucati, bigliettini che sembrano pergamene, braccia tatuate di formule, piccioni viaggiatori sono solo alcuni dei trucchi che metterà in campo per strappare la sufficienza. Copiare è un’arte ragazzi, nulla di più vero.

6) QUELLO CHE NON TI FA COPIARE:

Al contrario dell’artista del copiato, che sarà sempre disponibile a trattare e scambiare informazioni utili con voi, da questo lui/lei non avete speranza di ottenere nulla. “La 2 non l’ho ancora fatta”,vi dirà, ma allungando lo sguardo potrete constatare da soli che le 10 righe sotto la domanda sono già pronte  e in bella copia. Consigli non ve ne possiamo dare, ma rubargli il panino della merenda non ci sembra una brutta idea.

7) QUELLO CHE PARLA DA SOLO:

Lui è lo studente tipo a cui assolutamente non dovete finire di fianco durante il compito. Ancora di più dell’ansioso. Dall’ora prima della prova inizierà a borbottare tra sé e sé, in un crescendo di frasi sconnesse e senza senso. Durante il compito leggerà tutti i quesiti milioni di volte, ad alta voce, come se rileggendoli potessero cambiare. Se ci finite in banco insieme non abbiamo consigli. In bocca al lupo!

8) CATENA DI MONTAGGIO:

Questa è la categoria che ci piace di più. Sono studenti accomunati da un solo desiderio: sfangarla. Di solito li trovi in gruppi di 3-4 schierati  sulla stessa fila,in modo da rendere il passaggio di informazioni  una formalità. Le notizie tra loro scorreranno più veloci di un frecciarossa, e alla fine col contributo di ognuno, domanda per domanda arriveranno alla tanto desiderata sufficienza.

9) QUELLO CHE NON HA MAI NULLA:

In ogni classe c’è sempre uno studente che è già tanto se arriva a scuola vestito. Penne, righello, matite gomme e fogli protocollo…Sappiate che gli servirà tutto e girerà come un’anima in pena per la classe per ore finché non avrà trovato tutto il necessario.

10) “TU CHE HAI MESSO?”

Suona la campana, si consegnano i test e si esce a far merenda.. La voglia di pensare al compito che come al solito ti è andato una merda proprio non c’è. Ma lui arriverà lo stesso. Ogni classe ha lo studente che si confronta con tutta la sua fila e se non gli basta anche con quell’altra. A volte ti regala gioie inaspettate, dicendoti che la risposta esatta era proprio quella che hai messo tu, altre volte ti lascerà nel dubbio perenne di aver sbagliato risposta creandoti solo angoscia e disperazione.

E tu durante il compito in classe che tipo di studente sei?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *