Home LSD
Il Blog
degli studenti
Login Link Facebook Link Instagram
L’ITALIA DEL GIOCO D'AZZARDO
Valerio Cianfanelli 09-02-2018 25

Storicamente il popolo italiano non ha mai avuto la nomea di grandi giocatori d'azzardo, ma ultimamente sembra che il trend stia cambiando.

Le estrazioni del lotto si sono fatte più frequenti e sono state accompagnate dall'uscita di numerose tipologie di gratta e vinci, di scommesse online, tra le quali slot machine, poker e persino giochi virtuali, ovvero scommesse basate su vari eventi che spaziano da una partita di calcio o una gara automobilistica a gare di ciclismo, di cani e di cavalli non reali, ma totalmente realizzate al computer.

Ma andiamo per gradi.

Fino a venti anni fa c'era una sola estrazione del lotto settimanale, i casinò erano tutti al di fuori dell'Italia e gli ippodromi erano situati fuori città e aperti nella maggior parte nel weekend. Il gioco d'azzardo era quindi già presente in Italia, ma con possibilità di gioco poco frequenti.

Nel 1992, quando il governo dovette svalutare la lira, si ebbe la svolta: nella manovra infatti era prevista una nuova entrata nelle casse dello Stato derivante proprio dal gioco d'azzardo.

Questo contribuì all'aumento delle estrazioni del lotto, nacquero nuove lotterie ed uscirono i primi giochi a vincita istantanea.

Ma il cambiamento più grande si ebbe negli anni tra il '99 e il 2004. Infatti in questi 5 anni si registra un'impennata netta delle possibilità di gioco. Aprono le prime sale bingo proprio nel '99. La legge finanziaria del 2002 introduce le slot macine dello Stato nei bar.

Nel 2004 arrivano i Gratta e Vinci, le videolottery e vengono legalizzate, e monopolizzate dallo Stato, le scommesse sportive.

L'apice però si raggiungerà poi nel 2009 con il Decreto Abruzzo, a seguito del terremoto dell'Aquila, che prevedeva la legalizzazione dei casinò online.

Negli altri paesi, Europei e non, per aprire un attività legata al gioco d'azzardo si ha bisogno di una licenza concessa dallo stato. Qui in Italia basta una concessione. Essendo il gioco d'azzardo monopolio dello Stato, i concessionari sono incaricati di riscuotere il frutto del gioco e di versarlo nelle casse statali, con il grande vantaggio di non essere mai posti come responsabili delle conseguenze del loro esercizio.

Dal 2015 a questa parte l’Italia sembra aver intuito il grave pericolo portato dal gioco d’azzardo, che sviluppa stadi di malattia quali la ludopatia, che portano l'individuo a non riuscire a resistere al "richiamo" del concorso a premi.

Così da 2 anni a questa parte i governi ed in particolare le regioni stanno valutando rimedi contro questo fenomeno. Riforme che però si limitano a ridurre ed equilibrare il numero di slot machine presenti sul territorio italiano.

Dal 2016 al 2017 infatti c’è stato un ridimensionamento del numero dell slot del 35%, passando da più di 400.000 a 265.000, e una ridistribuzione più equa nel territorio, in modo di evitare di avere zone “ad alto rischio”. Purtroppo, però, il problema più grande che rimane è quello legato alle scommesse ed al gioco online, che permette a qualsiasi utente di poter scommettere comodamente seduto sul divano di casa.

Dati del 2016 riportano che il mercato del gioco d'azzardo in Italia è diventato il più grande d’Europa con oltre 96 miliardi di euro spesi. E' come se ogni contribuente italiano spendesse 2.357 euro all'anno e 196 al mese in gioco d’azzardo.

La cosa più grave a sottolineare questo enorme problema è che i dati del 1998 non raggiungevano i 13 miliardi di spesa, quindi in questo ventennio di riforme c’è stato un incremento di oltre 80 miliardi, numeri sicuramente preoccupanti.

Tutto questo è avvenuto nel nostro paese non per una mera mancanza di leggi a tutela del gioco, bensì grazie a delle riforme che si potrebbero definire "propagandistiche" come quelle sopraelencate, mirate sicuramente a portare introiti nelle casse statali.

Il gioco d'azzardo qui in Italia, come in tutta Europa, è stato agevolato e favorito dalla crisi economica che stiamo attraversando. Delle mosse, quindi, sicuramente mirate, ma che offrono degli importanti spunti di riflessione in ambito socio-economico.

Dai dati infatti, emerge che le famiglie che spendono di più nel gioco sono quelle di ceto medio-basso, questo perchè sono state indotte dalle modalità di vincita; ovvero vincite piccole ma abbastanza frequenti che portano il giocatore alla dipendenza.

Di recente questo è stato sottolineato dalle nuove tipologie di Gratta e Vinci, dove la spesa per il gioco è giustificata dalla crisi in quanto le vincite potenziali possono variare da una casa, ad una vacanza fino ad arrivare ad uno stipendio mensile per tutta la vita, semplicemente sfregando una monetina su un foglio di carta.

 

 

HOT TOPIC
5 EURO PER UN ANNO DI MUSEI A ROMA. COME? CON LA TESSERA MIC.
Nasce MIC , la tessera annuale che permetterà l'accesso illimitato a tutti i musei pubblici della capitale, comprese le mostre temporanee.
1608
LA MARIJUANA LEGALE INVADE ROMA: ECCO DOVE TROVARLA
Marijuana legale? Si. Dove trovarla? QUI:
725
CROLLA TETTO DEL LICEO VIRGILIO DI ROMA
Crolla una parte del solaio dell'istituto. Studenti evacuati gridano la loro rabbia su Facebook:" tragedia sfiorata"
571
5 METODI DI STUDIO MIGLIORI DEL TUO (E 5 DA EVITARE)
Se credete di avere un metodo di studio estremamente utile ed efficace, forse è arrivato il momento di ricredersi. Lo dice la scienza.
553
AMAZON KEY, IL PRODOTTO ARRIVA A CASA ANCHE QUANDO NON CI SEI
"Not at home? Not a problem": Amazon prende in prestito le tue chiavi di casa e consegna il prodotto anche se non sei fisicamente presente. 
431
5 BUONI MOTIVI PER FIDANZARSI CON UN RAGAZZO DEL CLASSICO
Stilosi, intellettuali, romantici: fidanzatevi con un ragazzo del classico!
413
Finché c'è bagno c'è speranza
Il bagno rappresenta l'unica via di fuga, l'unica salvezza per milioni di studenti. libri scolastici a domicilio.
398
STICKERS FESTIVAL: 2^ EDIZIONE DEL FESTIVAL DEGLI ADESIVI DELLA CAPITALE
Torna lo Stickers Festival di Roma, una manifestazione ad hoc per gli amanti e i collezionisti di adesivi della capitale.
392
COME STUDIARE VELOCEMENTE? TECNICHE DI LETTURA VELOCE E MEMORIZZAZIONE
Studiare velocemente non sarà più impossibile con le tecniche di lettura veloce e memorizzazione!
387
5 CLASSICI TIPI DA SPIAGGIA
Abbiamo stilato per voi la classifica dei tipi da spiaggia che anche quest’anno affolleranno i lidi italiani.
383
MEME
SONDAGGIO
SCENA MUSICALE EMERGENTE

APPREZZI IL NUOVO STILE "TRAP"?